Anja Van Engeland

Soprano

Biografia

Anja van Engeland si laurea magna cum laude in canto presso il Lemmensinstituut a Leuven (Belgio).  Si specializza poi presso il Conservatorio di Anversa e si perfeziona presso l’Opera Studio Vlaanderen.  Frequenta masterclasses con Helmut Deutsch, Mary Brennan, Robert Alderson, Suzanne Eken e Gemma Visser.
A seguito della sua esibizione promettente al Concorso Belvedere di Vienna, Anja van Engeland riceve una formazione particolare di opera lirica.  Inoltre le vengono offerti diversi ruoli.
 
Dopo gli studi presso l’Opera Studio Vlaanderen, Anja van Engeland viene scritturata per interpretare i ruoli di Sophie Scholl (La Rosa Bianca di Zimmermann), Léïla (I pescatori di perle di Bizet), Elvira (I puritani di Bellini), Prima Dama e Primo Genietto (Il flauto magico di Mozart), Mimì (La Bohème di Puccini), Elvira (La muta di Portici di Auber), Ännchen (Il franco cacciatore di Weber) e Ofelia (Amleto di Thomas).
 
Presso l’Opéra Royal de Wallonie canta con grande successo il ruolo di Micaëla (Carmen di Bizet) nel 2010/2011 e Konstanze (Il ratto dal serraglio di Mozart) nel 2014.
 
Nel 2014 è stata Tosca in due esecuzioni concertanti nei Paesi Bassi.
 
Fa il suo debutto per De Nederlandse Opera nell’ottobre 2011 interpretando la quarta ancella nell’Elettra di Richard Strauss.
 
Per l’Opera Zuid (Paesi Bassi) interpreta nella stagione 2009/2010 Alicia Ford (Falstaff di Verdi) e Marguerite (Faust di Gounod) e prima, nel 2004, la Regina della notte (Il flauto magico di Mozart).
 
Per la Vlaamse Opera canta i ruoli di Nicoletta (L’amore delle tre melarance, Prokof’ev), Laura (Luisa Miller di Verdi), Ygraine (Ariane et Barbe-Bleue di Dukas), Berta (Il barbiere di Siviglia di Rossini), la Regina della notte in una produzione de Il flauto magico di Mozart per giovani, il Secondo violino (La prova d’orchestra di Battistelli), Freia (L’oro del Reno di Wagner), Gerhilde (La Valchiria di Wagner) e il Coro femminile (The Rape of Lucretia di Britten)
 

 

Anja van Engeland canta sotto la direzione di diversi direttori d’orchestra, tra cui Ivan Törzs, Michel Tilkin, François-Xavier Roth, Eric Lederhandler, Peter Robinson, Friedrich Pleyer, Walter Proost, Patrick Fournillier, Per-Otto Johansson, Ivan Anguelov, Balazs Kocsar, Elgar Howarth, Eivind Aadland, Ed Spanjaard, Eric Delson, Luca Pfaff, Hervé Niquet, Massimo Donadello, Bartholomeus-Hendrik Van de Velde e Marc Albrecht.
 
Registi con cui collabora sono Stephen Lawless, Guy Joosten, Emilio Sagi, Ivo Van Hove, Nicola Glück, Andrea Schwalbach, Frank Van Laecke, Wim Trompert e Carlos Wagner.
 
Anja van Engeland è anche come cantante di concerti un’ospite gradita.  Interpreta le Nursery Songs di Piet Swerts insieme con la Symfonieorkest Vlaanderen diretta da David Angus.
Al Paleis voor Schone Kunsten (BOZAR) a Bruxelles interpreta A Sea Symphony di Ralph Vaughan Williams, il Requiem di Verdi e la Messa in do minore di Mozart (in occasione dell’Anno di Mozart nel 2006).  Il Requiem di Verdi viene cantato da lei più volte nella stagione 2012/2013 con diverse orchestre.
 
Con la Brussels Philharmonic canta ne L’enfant prodigue e Le gladiateur di Debussy.
 
Si esibisce con l’Orchestra nazionale del Belgio sotto la direzione di Theodor Guschlbauer e di Kwamé Ryan (Nona sinfonia di Beethoven, nel 2012) e presta la sua collaborazione a un programma dedicato a Rossini con la Symfonieorkest Vlaanderen.
 
Con l’Orchestre philharmonique du Luxembourg incide il CD Der Geiger von Echternach di Lou Koster.
 
Dal 2015 forma il duo TastiVoce con il pianista Toon Spaepen.

1 3